10/01/2008

POLITICHE DEI RIFIUTI. DICHIARAZIONE DI ALESSANDRO BIZJAK E ALESSANDRO PORTINARO.

In merito alla disponibilità della Regione Piemonte ad accogliere una quota dei rifiuti campani e alla contrarietà manifestata dagli amministratori della Provincia di Vercelli, il consigliere regionale Alessandro BIZJAK e il Capogruppo provinciale Alessandro PORTINARO (Partito Democratico) dichiarano: "Il Presidente Masoero e l'Assessore Finocchi hanno ragione quando affermano che nella nostra Provincia non sussistono le condizioni per accogliere i rifiuti provenienti dalla Campania. Tuttavia, in questa presa di posizione è contenuta anche l'ammissione che in questi anni poco la Provincia ha fatto sul versante delle politiche dello smaltimento dei rifiuti. Siamo il territorio del Piemonte che, a parte qualche lodevole iniziativa a opera di singoli sindaci, presenta la percentuale più bassa di raccolta differenziata. Inoltre, ai confini con la Provincia di Biella troviamo un'ampia area le cui condizioni ambientali e idrogeologiche rischiano di compromettersi seriamente. Perché, allora, il Presidente Masoero e l'Assessore Finocchi non accolgono la disponibilità manifestata dall'Assessore regionale De Ruggiero e non organizzano, insieme alla Provincia di Biella, un momento di confronto e di proposta su queste tematiche, con particolare riferimento alla Valledora?".

10/01/2008

LA REGIONE FINANZIA IL PROGETTO "ERBA ROSA".

Ai sensi della legge regionale 16/1999 "Testo unico delle leggi sulla montagna", la Regione Piemonte (Assessorato alla Montagna - Bruna Sibille) ha finanziato 21 "Progetti integrati" delle Comunità montane. Tra quelli ammessi a finanziamento anche il progetto "Erba rosa", per il quale sono stati stanziati 200.000,00 euro. Il progetto della Comunità montana Valsesia consiste nella riqualificazione di una valle in stato di abbandono, tra Cervatto e Rossa, recuperando alpeggi, boschi e permettendo lo sviluppo di un turismo di tipo escursionistico.

08/01/2008

MALPENSA. APPROVATO ORDINE DEL GIORNO : "LE REGIONI DEL NORD DEVONO ESSERE COINVOLTE NELLA DEFINIZIONE DEL FUTURO DELLO SCALO".

Il Consiglio regionale ha approvato a grande maggioranza un Ordine del giorno relativo all'aeroporto di Malpensa. "Il provvedimento - spiega il consigliere regionale Alessandro BIZJAK, cofirmatario del testo - impegna la Giunta regionale ad attivarsi presso ogni istituzione coinvolta affinché, nella reimpostazione del ruolo di Malpensa, a seguito delle novità che emergeranno dopo la cessione della compagnia di bandiera, si tenga conto comunque dell'importanza che lo scalo può avere per l'economia novarese e piemontese. L'Ordine del giorno impegna poi la Giunta a sollecitare preventivamente la convocazione, presso il Governo, di un tavolo di concertazione che coinvolga le Regioni dell'Italia settentrionale nella definizione del ruolo futuro di Malpensa e del sistema aeroportuale del Nord, anche in conseguenza delle nuove strategie di Alitalia". "Lo scalo di Malpensa - aggiunge Alessandro BIZJAK - riveste una rilevante importanza per tutta l'economia piemontese, e in particolare di quella del novarese e del vercellese, cogliendo così l'opportunità di sviluppare il traffico merci e creare nuovi posti  di lavoro nel campo della logistica dell'intermodalità". L'Ordine del giorno, inoltre, ribadisce la necessità che tra Piemonte e Lombardia venga istituito un tavolo comune al fine di discutere i problemi legati all'impatto dell'aeroporto di Malpensa sull'ambiente e sul territorio. "Occorre un dialogo costante e quotidiano tra Piemonte e Lombardia. In tale contesto - conclude Alessandro BIZJAK - il problema dei voli, dei collegamenti, dell'occupazione e dei bisogni delle imprese, tanto lombarde quanto piemontesi, potrà essere affrontato con la prospettiva della crescita integrata, che distribuisca in modo equo benefici e inevitabili disagi".

21/12/2007

APPROVATA LA NUOVA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO E LA LIBERA SCELTA EDUCATIVA.

Con questa legge, la prima organica sul diritto allo studio e la libera scelta educativa in Piemonte, la Regione compie un grandissimo sforzo investendo una cifra molto importante, 111 milioni di euro all'anno a sostegno del sistema scolastico regionale. Si tratta di un aiuto rilevante alle famiglie e agli studenti piemontesi e un segnale di quanta attenzione ponga la maggioranza a questo tema, uno degli snodi centrali per il futuro del nostro Paese. In questo quadro la legge rende concreto il diritto di tutti i giovani a frequentare il sistema dell'istruzione e della formazione piemontese, potenziando anche economicamente gli assegni di studio, le borse di studio, i premi di merito, le dotazioni librarie, l'integrazione scolastica per alunni disabili o con esigenze educative speciali. E' importante l'impegno nei confronti della scuola pubblica nel suo complesso, cui viene assegnata la grande maggioranza delle risorse, semplificando in un testo unico normative diverse. Positivo anche il riconoscimento delle risorse alle scuole paritarie e la riaffermazione del principio della libera scelta educativa.

17/12/2007

PRESENTATA UNA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE PER GARANTIRE PIU' SICUREZZA E SOSTEGNO AGLI IMPIANTI SCIISTICI.

Il gruppo consiliare regionale del Partito Democratico ha presentato la proposta di legge regionale "Interventi relativi alla sicurezza, regolamentazione e sostegno dell'impiantistica invernale di risalita e delle piste da fondo". Il testo persegue il duplice obiettivo di garantire maggiore sicurezza sulle piste da sci e, al contempo, di sostenere e promuovere tutte le realtà sciistiche che investono nel settore con particolare attenzione per le società di medie o grandi dimensioni che rappresentano il "fiore all'occhiello" della promozione delle valli alpine piemontesi, ma anche  per quelle di minori dimensioni le cui gestioni, spesso di natura familiare, versano in condizioni di sofferenza economica non riuscendo a rispettare i nuovi canoni di sicurezza e le condizioni dettate dal mercato turistico."Questa iniziativa legislativa - spiega il consigliere Alessandro BIZJAK - intende promuovere tutte le attività che nel periodo invernale ed estivo sostengono l'economia montana, che trova spesso difficoltà a decollare. Gli investimenti precedenti e immediatamente successivi ai Giochi Olimpici invernali hanno sancito un forte intervento delle istituzioni pubbliche tanto per consentire un ammodernamento dell'impiantistica quanto per garantire un ammortamento di spese legate all'innevamento artificiale. Ciò, però, è avvenuto in alcune stazioni e non in tutte, creando una discrezionalità sugli interventi che-inevitabilmente-ha favorito alcuni e non sostenuto altri. E' un dato di fatto ormai assodato da anni che tutte le stazioni sciistiche difficilmente riescono a chiudere i propri bilanci annuali in attivo, facendo affidamento sulle sole entrate derivanti dagli skipass o dall'utilizzo degli impianti di risalita. Da qui la necessità che gli Enti pubblici e la Regione per prima si accollino la responsabilità di garantire maggiore sicurezza per i fruitori delle piste (attuando a livello locale la legge nazionale 363/2003) e l'onere anche economico di sostenere tutte le realtà montane".

Condividi contenuti
Powered by Powered by Eta Beta

Alessandro Bizjak - Consigliere Regionale Regione Piemonte
via Arsenale, 14 - 10121 Torino - Tel. 011.57.57.461 - Fax 011.53.48.22 - E-mail: info@alessandrobizjak.it